Ischia Hotel Booking: una vasta scelta di offerte e lastminute di oltre 150 tra hotel a Ischia, B&B e Residence, tra i quali potrai scegliere il meglio per il tuo soggiorno ad Ischia. Gli hotel migliori e i lastminute piu' vantaggiosi per una vacanza perfetta!

La viticoltura

Ischia Hotel Booking

La viticoltura

L'ISOLA D'ISCHIA - LA VITICOLTURA
La viticoltura

La viticoltura dell'isola di Ischia ha origini millenarie. Sulla coppa di Nestore, ritrovata a Montevico (Lacco Ameno), compare un'iscrizione che inneggia al buon vino locale e testimonia che gli Eubei, antico popolo greco colonizzatore dell'isola, introdussero la coltivazione della vite. La tecnica di coltivazione, in particolare modo, richiama alla tradizione greca e differisce da quella etrusca usata nel centro Italia e nelle zone interne della Campania. La viticoltura è stata alla base dell'economia isolana per lunghi periodi storici, condizionandone la vita e i costumi degli stessi abitanti.

Le colture sull'isola si estendono dalle coste fin sugli irti pendii montani dove cellai e terrazzamenti, costruiti con rinforzi di muri a secco di pietra di tufo verde, consentono la coltivazione della vite. Dal 1500 il vino bianco sfuso veniva esportato via mare verso la terraferma ai principali mercati italiani e stranieri fino in Dalmazia, veniva posto in "carrati" trasportati dalle vinacciere (barche a vela). Dal 1955 a oggi il cambiamento dell'economia isolana è stato radicale. Lo sviluppo rapido del turismo, che è diventato la principale risorsa economica dell'isola, ha indebolito e in parte cancellato il passato culturale di una tradizione che andava protetta e salvata.

Dal 1929 ad 1990 la produzione di vino è passata da 250.000 a 62.000 ettolitri l'anno, e dei 2747 ettari destinati a vigneti si è passati a soli 900 ettari nel 1990, di cui 600 rappresentano la viticoltura di pendenza. Oggi vi è una particolare ripresa della produzione vinicola anche per il prestigio che la qualità del vino d'Ischia mantiene sul mercato.

Indichiamo le qualità di uve più comuni e diffuse, tutte coltivate sull'isola certamente da 300 anni:

VITIGNI A BACCA BIANCA : Biancolella, Forastera, Arilla
VITIGNI A BACCA ROSSA : Guarnaccia, Piedirosso o Per'e Palummo, S. Lunardo.

Il Biancolella, Forastera, Piedirosso e Guarnaccia sono coltivati dai 200 ai 600 mt. s.l.m.; l'Arilla e il S. Lunardo insieme ad altre varietà al di sotto dei 200 mt.

Nel modo di condurre il vigneto è frequente la spalliera costituita da pali di castagno e canne su cui è tradizionale allevare il ceppo ad altezza variabile, fino a 2 mt. nei vigneti del versante Nord/Est. Le distanze tra i filari di viti vanno dai 70 cm a 1 mt e 20 cm. La potatura si effettua manualmente in genere nei periodi da gennaio a marzo. Anche la raccolta è manuale e avviene a seconda delle zone da agosto a novembre e le produzioni ad ettaro vanno mediamente dai 70 ai 90 quintali all'anno.

VEDI ANCHE ...

NOTIZIE ...
Il Nome di Ischia L'Isola d'Ischia non ebbe sempre lo stesso nome. Omero, Esiodo e Pindaro la chiamano Ārime o Inārime, Strabone e altri Pitecusa, i Romani Enaria. Per la prima volta in una lettera di Papa Leone III si trova il nome Ischia. (Guida d'Ischia - G.G.Cervera)

QUALI OFFERTE
ISCHIA

FORIO DI ISCHIA

CASAMICCIOLA TERME

LACCO AMENO

SANT' ANGELO

SPIAGGIA MARONTI

BARANO D'ISCHIA
IHB © by METIS - info@ihb.it - Informativa privacy - Condizioni generali
IHB s.r.l. P.I.07005800961 METIS Internet Agency 1089:1287M