Ischia Hotel Booking: una vasta scelta di offerte e lastminute di oltre 150 tra hotel a Ischia, B&B e Residence, tra i quali potrai scegliere il meglio per il tuo soggiorno ad Ischia. Gli hotel migliori e i lastminute piu' vantaggiosi per una vacanza perfetta!

La viticoltura

Ischia Hotel Booking

La viticoltura

L'ISOLA D'ISCHIA - LA VITICOLTURA
La viticoltura

La viticoltura dell'isola di Ischia ha origini millenarie. Sulla coppa di Nestore, ritrovata a Montevico (Lacco Ameno), compare un'iscrizione che inneggia al buon vino locale e testimonia che gli Eubei, antico popolo greco colonizzatore dell'isola, introdussero la coltivazione della vite. La tecnica di coltivazione, in particolare modo, richiama alla tradizione greca e differisce da quella etrusca usata nel centro Italia e nelle zone interne della Campania. La viticoltura è stata alla base dell'economia isolana per lunghi periodi storici, condizionandone la vita e i costumi degli stessi abitanti.

Le colture sull'isola si estendono dalle coste fin sugli irti pendii montani dove cellai e terrazzamenti, costruiti con rinforzi di muri a secco di pietra di tufo verde, consentono la coltivazione della vite. Dal 1500 il vino bianco sfuso veniva esportato via mare verso la terraferma ai principali mercati italiani e stranieri fino in Dalmazia, veniva posto in "carrati" trasportati dalle vinacciere (barche a vela). Dal 1955 a oggi il cambiamento dell'economia isolana è stato radicale. Lo sviluppo rapido del turismo, che è diventato la principale risorsa economica dell'isola, ha indebolito e in parte cancellato il passato culturale di una tradizione che andava protetta e salvata.

Dal 1929 ad 1990 la produzione di vino è passata da 250.000 a 62.000 ettolitri l'anno, e dei 2747 ettari destinati a vigneti si è passati a soli 900 ettari nel 1990, di cui 600 rappresentano la viticoltura di pendenza. Oggi vi è una particolare ripresa della produzione vinicola anche per il prestigio che la qualità del vino d'Ischia mantiene sul mercato.

Indichiamo le qualità di uve più comuni e diffuse, tutte coltivate sull'isola certamente da 300 anni:

VITIGNI A BACCA BIANCA : Biancolella, Forastera, Arilla
VITIGNI A BACCA ROSSA : Guarnaccia, Piedirosso o Per'e Palummo, S. Lunardo.

Il Biancolella, Forastera, Piedirosso e Guarnaccia sono coltivati dai 200 ai 600 mt. s.l.m.; l'Arilla e il S. Lunardo insieme ad altre varietà al di sotto dei 200 mt.

Nel modo di condurre il vigneto è frequente la spalliera costituita da pali di castagno e canne su cui è tradizionale allevare il ceppo ad altezza variabile, fino a 2 mt. nei vigneti del versante Nord/Est. Le distanze tra i filari di viti vanno dai 70 cm a 1 mt e 20 cm. La potatura si effettua manualmente in genere nei periodi da gennaio a marzo. Anche la raccolta è manuale e avviene a seconda delle zone da agosto a novembre e le produzioni ad ettaro vanno mediamente dai 70 ai 90 quintali all'anno.

VEDI ANCHE ...

NOTIZIE ...
Nel Mito Si dice che, nei primordi, l'Isola fosse stata dimora di animali molto simili a scimmie, detti CercÚpi. La mitologia pretende che antecedentemente questi animali fossero stati due fratelli, Cŗndolo e Atlante, tramutati poi da Giove per le loro arti subdole e ingannatrici. (Guida d'Ischia - G.G.Cervera)

QUALI OFFERTE
ISCHIA

FORIO DI ISCHIA

CASAMICCIOLA TERME

LACCO AMENO

SANT' ANGELO

SPIAGGIA MARONTI
HOTEL 4 STELLE
Hotel Terme Saint Raphael
HOTEL 3 STELLE
Hotel Maronti
IHB © by METIS - info@ihb.it - Informativa privacy - Condizioni generali
IHB s.r.l. P.I.07005800961 METIS Internet Agency 1089:1287M